Hai il controllo dei tuoi dati

Utilizziamo i cookie per personalizzare l'esperienza di creazione di CV e lettere di presentazione. Per queste ragioni, potremmo condividere i tuoi dati di utilizzo con terze parti. Puoi trovare maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie alla pagina Politica sui cookies. Se vuoi impostare le tue preferenze sui cookie, clicca sul pulsante Impostazioni qui sotto. Per accettare tutti i cookie fare clic su Accetta.

Impostazioni Accetta

Impostazione dei cookie

Clicca sui tipi di cookie qui sotto per personalizzare la tua esperienza sul nostro sito. Puoi liberamente dare, rifiutare o ritirare il tuo consenso. Tieni presente che la disabilitazione dei cookie può influenzare la tua esperienza sul sito. Per maggiori informazioni, visita la nostra Politica sui cookie e la nostra Privacy Policy.

Scegli il tipo di cookie da accettare

Analytics

Questi cookie analizzano l'utilizzo del nostro Sito da parte dei nostri visitatori e ci permettono anche di offrirti un'esperienza migliore. I cookie analitici utilizzati sul nostro sito non identificano chi sei né ci permettono di inviarti pubblicità mirata. Per esempio, possiamo utilizzare i cookie/tecnologie di tracciamento a fini analitici per determinare il numero di visitatori del nostro sito, identificare come i visitatori si muovono nel sito e, in particolare, quali pagine visitano. Questo ci permette di migliorare il nostro Sito e i nostri servizi.

Prestazioni e personalizzazione

Questi cookie ci permettono di offrirti un'esperienza personalizzata. I cookie di personalizzazione sono utilizzati per fornire contenuti, compresi gli annunci, rilevanti per i tuoi interessi sul nostro sito e su siti di terze parti in base a come interagisci con diversi elementi del nostro sito, nonché per tenere traccia dei contenuti a cui accedi (compresa la visualizzazione di video). Possiamo anche raccogliere informazioni sul computer e/o sulla connessione per adattare la tua esperienza alle tue esigenze. Durante alcune visite, possiamo utilizzare strumenti software per misurare e raccogliere informazioni sulla sessione, compresi i tempi di risposta della pagina, gli errori di download, il tempo trascorso su determinate pagine e le informazioni sull'interazione della pagina.

Pubblicità

Questi cookie sono collocati da aziende terze per fornire contenuti mirati basati su argomenti rilevanti che ti interessano (per esempio, fornendoti annunci su Facebook che ti interessano), e ti permettono di interagire meglio con piattaforme di social media come Facebook.

Necessari

Questi cookie sono essenziali per il funzionamento del Sito e per permetterle di utilizzare le sue funzioni. I cookie essenziali saranno sempre rilasciati poiché sono necessari per il corretto funzionamento del Sito. Per esempio, i cookie essenziali includono, ma non sono limitati a: i cookie per fornire il servizio, mantenere il tuo account, fornire l'accesso al costruttore, le pagine di pagamento, creare ID per i tuoi documenti e memorizzare i tuoi consensi.

Per vedere un elenco dettagliato dei cookie, clicca qui.

Salva le preferenze
Il mio account
Lettera di dimissioni volontarie con preavviso (+fac simile)

Lettera di dimissioni volontarie con preavviso (+fac simile)

Hai finalmente trovato un nuovo lavoro ed è arrivato il momento di comunicarlo al tuo datore di lavoro? Ecco tutto ciò che devi sapere prima di inviare una lettera di dimissioni.

Paolo Borrini
Paolo Borrini
Esperto di Carriere

“Ora basta, ne ho fin sopra i capelli! Dammi carta e penna che butto giù una bella lettera di dimissioni!”

 

Ehi, frena, aspetta un momento! Lo sai che non funziona più così, vero?

 

Se sei proprio convinto di andare fino in fondo, sappi che carta e penna non bastano più e ci sono delle regole ben precise per poter lasciare la tua azienda. Per fare chiarezza, vai avanti a leggere! Nei prossimi 5 minuti scoprirai:

 

  • come scrivere la tua lettera di dimissioni;
  • come rassegnare le dimissioni volontarie con e senza preavviso a norma di legge;
  • un fac simile per la tua lettera di dimissioni con ringraziamenti.

 

Scrivere una lettera di dimissioni è semplice, cosa che non si può dire per una lettera di presentazione. Zety ti rende la vita più facile: sfrutta il nostro builder online! Scegli tra 21 modelli di lettera di presentazione e adotta lo stesso stile del tuo CV.

 

SCRIVI LA LETTERA DI PRESENTAZIONE ONLINE

 

Lettera di dimissioni
Lettera di dimissioni

La lettera di presentazione qui sopra è stata creata con il builder di Zety — Scopri tutti gli altri modelli di lettera di presentazione a tua disposizione!

 

Hai bisogno di un po’ di ispirazione? Scopri anche:

 

 

Non ti basta? Dai un’occhiata a tutti gli altri esempi di lettera di presentazione di Zety!

 

Esempio di lettera di dimissioni volontarie

 

Marco Virenti

Via Marinelli 31

20057, Milano (MI)

 

Spett.le

Ravinelli S.R.L.

Via Ancona 121

20125, Milano (MI)

 

Milano, 24 ottobre 2022

 

Oggetto: lettera di dimissioni

 

Io sottoscritto, Marco Virenti, dipendente di Ravinelli S.R.L. dal 1 giugno 2018 in qualità di responsabile amministrativo, rassegno le mie dimissioni formali a decorrere dal 1 novembre 2022.

 

Colgo l’occasione per ringraziarvi per il sostegno e le opportunità che mi sono state offerte durante quasi quattro anni di lavoro a contatto con un team eccezionale. Questa esperienza professionale ha arricchito notevolmente le mie competenze professionali, accrescendo enormemente le mie capacità tecniche e gestionali.

 

Anche se ho deciso di rassegnare le mie dimissioni a causa di un nuovo progetto professionale, farò tutto quanto possibile per facilitare la transizione e assicurare un adeguato passaggio di consegne a chi mi sostituirà nell’incarico.

 

Nel ringraziarvi nuovamente, vi porgo i miei più cordiali saluti.

 

Marco Virenti

 

                                                                                                                               Firma

 

___________

 

Per accettazione,

 

Il datore di lavoro

Firma

 

______________

 

1. Che cos’è una lettera di dimissioni?

 

Una lettera di dimissioni è un documento necessario per comunicare al datore di lavoro la volontà di terminare il rapporto lavorativo prima della naturale scadenza del contratto. Si tratta di un documento unilaterale utilizzato per le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del contratto.

 

2. Come scrivere e inviare una lettera di dimissioni con preavviso

 

Se in passato era sufficiente presentare una lettera di dimissioni firmata per comunicare la propria decisione di lasciare l’azienda, oggi non è più così: con le riforme del Jobs Act, e nello specifico con il decreto legislativo 151 del 14 settembre 2015, è stata introdotta una nuova procedura online.

 

Questo scelta è nata per contrastare il fenomeno increscioso dei “furbetti” delle dimissioni in bianco, che obbligavano il dipendente a firmare una lettera di dimissioni al momento dell’assunzione così da poter poi licenziare a proprio piacimento in caso di esubero o maternità.

 

Dal 12 marzo 2016, a parte qualche eccezione che vedremo più avanti, il lavoratore dipendente è tenuto a comunicare la volontà di recedere dal proprio contratto con una lettera di dimissioni con preavviso in via telematica dal sito https://www.cliclavoro.gov.it

 

La procedura online è piuttosto semplice:

 

  1. vai all’area di accesso di cliclavoro;
  2. loggati utilizzando lo SPID o la CIE;
  3. vai alla voce Cittadini;
  4. seleziona Dimissioni volontarie;
  5. clicca su Nuovo;
  6. compila il modulo di dimissioni;
  7. premi Conferma.

 

La procedura cambia leggermente a seconda del fatto che tu abbia iniziato a lavorare per la tua azienda prima del 2008 o dal 2008 in poi:

 

  • se hai iniziato a lavorare in azienda prima del 2008, dovrai aggiungere manualmente il codice fiscale, l’email o la PEC del tuo datore di lavoro e la data di decorrenza delle dimissioni. Il tuo nome, cognome e codice fiscale saranno già presenti a sistema;
  • se hai iniziato a lavorare in azienda dal 2008 in poi sarà un po’ più comodo, perché il sistema precarica direttamente le informazioni del dipendente e del datore di lavoro.

 

Una volta conclusa la procedura, riceverai un messaggio di conferma e avrai anche la possibilità di salvare la tua lettera di dimissioni in PDF: il documento così scaricato riporterà anche un codice identificativo e la data ufficiale di trasmissione.

 

È possibile effettuare questa procedura non solo da computer, ma anche tramite le app per smartphone e tablet offerte dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il consiglio dell’esperto: se cambi idea, puoi revocare la tua lettera di dimissioni entro e non oltre 7 giorni dalla data di applicazione. Anche in questo caso, il sistema ti permette di scaricare la conferma in formato PDF. 

A chi rivolgersi per una lettera di dimissioni volontarie con preavviso

 

Non ti senti troppo sicuro a smanettare in rete per conto tuo? Sei talmente in collera col tuo capo che ti tremano le mani a digitare il nome della tua azienda sulla tastiera? Non c’è problema: puoi far inviare la tua lettera di dimissioni volontarie anche a enti terzi.

 

In questo caso però, devono essere dei soggetti abilitati all’operazione:

 

  • CAF e patronati
  • Sindacati
  • Enti bilaterali
  • Consulenti del lavoro
  • Commissioni di certificazione
  • Sedi territoriali competenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

 

Questi soggetti potranno entrare nel sistema in modo autonomo e inviare i dati direttamente al Ministero del lavoro, senza che tu debba fare nulla.

Leggi anche: come scrivere una lettera motivazionale per un nuovo lavoro

3. Chi deve (e chi NON deve) presentare una lettera di dimissioni in via telematica

 

Complimenti, hai risposto brillantemente a tutte le domande del colloquio di lavoro e hai ottenuto un’offerta concreta che intendi accettare! Ed è arrivato il momento di farlo sapere al tuo attuale datore di lavoro.

 

Se stai pensando alla vecchia la lettera di dimissioni con ringraziamenti un po’ strappalacrime, sappi che è ormai abbastanza vicina alla pensione, dato che tutti i lavoratori dipendenti delle aziende private devono obbligatoriamente attenersi al modulo standard da compilare online.

 

Esistono però alcune categorie che sono esonerate dalla procedura delle dimissioni volontarie online vista in precedenza:

 

  • Dipendenti pubblici
  • Lavoratori domestici, come colf e badanti
  • Lavoratori in prova
  • Stagisti
  • Collaboratori a partita IVA
  • Lavoratori marittimi
  • Collaborazioni interrotte a seguito di conciliazione stragiudiziale
  • Lavoratrici in gravidanza e fino a tre anni dalla nascita del bambino

 

In questi casi la lettera di dimissione con preavviso, firmata e datata, può essere inviata tramite PEC o raccomandata e anticipata mediate fax.

Leggi anche: il trattamento dei dati personali sul tuo curriculum

4. Quando bisogna inviare la lettera di dimissioni con preavviso?

 

Senza dubbio, il lavoratore ha il diritto di inviare la propria lettera di dimissioni volontarie quando lo desidera, ma è comunque tenuto a rispettare il periodo di preavviso previsto dall’articolo 2118 del Codice Civile.

 

Normalmente questo periodo, che varia a seconda del CCNL e del livello maturato, parte dal momento in cui la lettera di dimissioni viene consegnata al datore di lavoro, anche se i contratti di alcune categorie specifiche richiedono un preavviso a partire dal 1° giorno del mese.

 

In questo caso, ponendo che il lavoratore debba rispettare un preavviso di 20 giorni, una comunicazione il 23 di aprile gli consentirebbe di lasciare l’azienda solo il giorno 20 maggio, cominciando dunque a contare dal primo giorno del mese successivo.

 

È davvero importante che tu conosca i dettagli del tuo contratto: una lettera di dimissioni senza preavviso può portare a conseguenze spiacevoli, dato che il datore di lavoro potrà trattenere un’indennità pari alla retribuzione che ti sarebbe spettata per il periodo del mancato preavviso.

Il consiglio dell’esperto: secondo il Bureau of Labor Statistics, nel 2022 oltre 4.2 milioni di americani hanno lasciato il posto di lavoro durante la Great resignation. In Italia le cose sono un po’ diverse: secondo il Censis, il 52,6% degli occupati non ha nessuna intenzione di passare a un altro impiego.

Quando è possibile presentare una lettera di dimissioni senza preavviso

 

Ma quindi, è sempre obbligatorio rispettare dei precisi termini di preavviso per potersi licenziare?

 

In effetti, proprio sempre no. Esistono infatti alcune eccezioni per cui è possibile inviare la propria lettera di dimissione senza preavviso: in questi casi, si parla di dimissioni per giusta causa.

 

Tra le possibili cause, figurano:

 

  • mancato pagamento dello stipendio;
  • omesso versamento dei contributi;
  • mobbing;
  • molestie sessuali del datore di lavoro;
  • datore di lavoro che obbliga il lavoratore a commettere atti illeciti;
  • ingiurie del superiore in ruolo;
  • demansionamento eccessivo del dipendente.

 

Anche in questi casi è pur sempre necessario inviare la propria lettera di dimissioni tramite il portale del Ministero, ma in questo caso sarà sufficiente selezionare l’opzione Dimissioni per giusta causa. Ancora una volta, in caso dovessi cambiare idea avrai 7 giorni di tempo per revocare le dimissioni.

 

Nel caso di una lettera di dimissioni senza preavviso per giusta causa, al lavoratore spettano comunque le ferie e i permessi non goduti, la tredicesime e la quattordicesima e il TFR.

Leggi anche: come inviare il tuo curriculum via mail

Non esiste lettera di presentazione senza curriculum vitae, ma grazie al builder di CV online di Zety puoi rimediare facilmente! Scopri i nostri 21 modelli di curriculum totalmente personalizzabili e scegli quello su misura per te.

 

CREA IL TUO CURRICULUM ONLINE

 

 

Punti chiave

 

In Italia, i lavoratori dipendenti del settore privato devono inviare la propria lettera di dimissioni tramite l’apposito portale del Ministero del Lavoro https://www.cliclavoro.gov.it:

 

  • per procedere con la lettera di dimissioni volontarie online hai bisogno della carta di identità elettronica o di attivare lo SPID;
  • la lettera di dimissioni online non è richiesta per i dipendenti pubblici, gli stagisti e le collaborazioni in partita IVA;
  • a meno di dimissioni per giusta causa, il lavoratore è tenuto a rispettare un certo periodo di preavviso che dipende dal proprio contratto nazionale di categoria e dalle mansioni.

 

Grazie per aver dedicato del tempo alla lettura di questa guida dedicata alla lettera di dimissioni. Se hai qualche dubbio, domanda o ulteriore richiesta, scrivici nella sezione dei commenti qui sotto e ti risponderemo al più presto!

Valuta questo articolo: lettera di dimissioni
Media: 5 (1 voti)
Grazie per aver votato.
Paolo Borrini
Paolo Borrini
Paolo Borrini è un giornalista pubblicista con +400 articoli pubblicati. Negli ultimi 10 anni, ha maturato anche esperienze in social media management e copywriting. Per Zety Italia, Paolo si occupa di Curriculum Vitae e lettere di presentazione.
Linkedin

Articoli simili