Il mio account
Come scrivere una lettera motivazionale (+esempio)

Come scrivere una lettera motivazionale (+esempio)

Hai trovato il lavoro dei sogni ma ti chiedono di inviare una lettera motivazionale? Niente paura, dopo questa guida la potrai scrivere anche con una mano legata dietro la schiena!

Paolo Borrini
Paolo Borrini
Esperto di Carriere

Mi scuso per la lunghezza della mia lettera, ma non ho avuto il tempo di scriverne una più breve.

 

Bella forza, se sei Blaise Pascal!

 

E spulciando nel magico mondo di internet, hai letto da qualche parte che per aumentare le tue possibilità di ottenere lavoro devi scrivere una lettera motivazione.

 

Certo, per quelli che non hanno pubblicato trattati di geometria proiettiva a sedici anni, mettere insieme una bella paginetta persuasiva potrebbe non essere proprio una passeggiata.

 

Ma non basta il curriculum? E poi che cosa scrivo? Io non ho niente da raccontare!

 

Per fortuna sei capitato sulla pagina giusta e tra qualche riga avrai tutte le risposte alle tue domande: scrivere una lettera motivazionale è facile, se sai come farlo!

 

Continua a leggere e imparerai a:

 

  • Scrivere una lettera motivazionale efficace.
  • Rinforzare la tua candidatura e mettere in luce le tue qualità.
  • Ottenere il lavoro che hai sempre sognato!

 

Vuoi scrivere una lettera di presentazione efficace in pochi minuti? Creala nel nostro software per lettera di motivazione online. Scegli tra 18 modelli professionali di lettera di presentazione, e adotta lo stesso stile per il tuo CV.

 

SCRIVI LA LETTERA DI PRESENTAZIONE ONLINE

 

Lettera di presentazione efficace

L’esempio di lettera di presentazione è stato creato dal nostro builder per cover letter — Scopri altri modelli di lettera di presentazione qui.

 

Hai bisogno di un aiuto per la lettera per un qualche lavoro in particolare? Eccoti degli esempi di lettera di presentazione: 

  

 

Ora, un esempio di lettera motivazionale:

 

Esempio di lettera di presentazione

 

Marina Bianchi

Via Baretti 12, 20121 Milano (MI)

marina.bianchi@mail.com

+39 333 22 33 222

linkedin/in/marinabianchi

 

Dott.ssa Miriam Ponti

HR manager Gruppo Hotel Deluxe

Piazza Margaffi 78

20121, Milano (MI)

 

Milano, lì 31/03/2021

 

Oggetto: lettera di presentazione per candidatura a direttrice di albergo

 

Alla cortese attenzione della dottoressa Ponti,

 

Sono entusiasta di inviare la mia candidatura per il ruolo di direttrice d’albergo, avendo già avuto modo di conoscere le vostre strutture recettive di altissima qualità di Bolzano durante il meeting di due giorni MyOwnHotel tenuto nella vostra sala congressi.

 

Sono convinta di essere la persona giusta per ricoprire questo ruolo, forte dei miei 10 anni di esperienza come Hotel Manager per una lussuosa catena alberghiera spagnola. Sono sempre alla ricerca di una customer experience di primissima qualità e nel corso del tempo ho raggiunto una satisfaction del 95% in tutte le aree grazie alla costruzione di un team altamente professionale di 250 persone. Grazie a un’attenta gestione economica, sono inoltre riuscita a ridurre del 30% gli sprechi in tutte le aree, facendo registrare anche un +20% di prenotazioni in alta stagione.

 

Passione, cura dei dettagli e professionalità: ritengo siano queste le parole chiave che portano al successo e sono sicura di poter dare il mio contributo allo sviluppo della vostra struttura, in particolare per quanto riguarda l’ottimizzazione del budget, la soddisfazione dei clienti abituali e lo sviluppo di nuovi mercati.

 

Rimango dunque a disposizione per un colloquio faccia a faccia per potervi illustrare le strategie economiche e di marketing che hanno portato a un incremento di ROS del 18% nel 2019 e 2020.

 

In attesa di un vostro cortese riscontro, vi invio i miei più cordiali saluti.

 

Marina Bianchi

 

Ecco una lettera motivazionale che non potrà certo passare inosservata!

 

1. Struttura la tua lettera motivazionale

 

Una buona lettera motivazionale non è scritta così di getto, ma è ben strutturata e studiata in tutte le sue parti.

 

Immagina che tu debba fare un discorso su un palco, davanti a un migliaio di persone. Tremarella a parte, a meno che tu non sia parente di Nelson Mandela, non è che potrai salire i gradini e iniziare un discorso a braccio senza né capo né coda.

 

Qui è lo stesso.

 

Per evitare i buuuh dei selezionatori e il lancio di pomodori troppo maturi dovrai rispettare alcune regole. Per prima cosa, la lettera motivazionale si fonda su cinque paragrafi ben distinti:

 

  • Intestazione e oggetto
  • Apertura
  • Paragrafo centrale
  • Chiusura
  • Commiato

 

Prima di andare a sviscerarne i contenuti, sarà meglio dare un occhio alla struttura. Eh sì, perché se ti presenti sul palco in mutande potresti anche parlare per ore ma non saranno in molti a prenderti sul serio. Ecco allora qualche altra regoletta da tenere a mente:

 

  • Scegli un carattere lineare a chiaro, come Arial, Times New Roman o Verdana di grandezza 11 o 12 punti.
  • Imposta i margini del foglio a 1 pollice (2,5 cm) per lato.
  • Allinea il testo a sinistra e imposta una interlinea 1,15.
  • Dividi il testo in paragrafi lasciando uno spazio vuoto alla fine di ogni sezione.
  • Anche se hai molto da dire, non eccedere i tre quarti di pagina.
  • Una volta completa, salva la tua lettera motivazione in PDF per mantenere intatte le formattazioni.

 

In grande sostanza, la lettera deve essere simile alla formattazione del Curriculum. Tutti questo suggerimenti hanno lo scopo di rendere la tua lettera motivazionale ben leggibile e ariosa, per evitare al selezionatore di compiere uno sforzo non necessario e concentrarsi solamente sui contenuti.

 

2. Inserisci l’intestazione della tua lettera motivazionale

 

Prima di iniziare a scrivere, tieni presente la regola d’oro di ogni candidatura: la lettera motivazionale, così come il curriculum moderno, deve essere su misura per l’offerta per la quale ti candidi.

 

Niente copia e incolla. Niente frasi fotocopia. Niente fac-simile presi a caso da tuo cugino che ha appena trovato lavoro.

 

E questa logica si applica fin dall’intestazione:

 

Esempio di intestazione per la lettera motivazionale

 

Giulio Randi

Via Gametta 31, 10121, Torino (TO)

+39 333 22 44 555

giulio.randi@mail.it

 

Dottor Giorgio Nanni

Moto&Auto S.p.A.

Piazzale Barni 4

10121, Torino (TO)

 

Oggetto: lettera motivazionale per candidatura a ingegnere meccanico - n.0120536

 

 

Come vedi qui in alto, sulla destra dovrai inserire le tue informazioni personali:

 

  • Nome e cognome
  • Indirizzo
  • Numero di telefono
  • Mail
  • Eventuali social media

 

Non sarà necessario inserire età o altri dati privati e neppure una foto.

 

Per quanto riguarda invece i social, tieni presente che si tratta pur sempre di una lettera professionale proprio come la lettera di referenze, quindi inserisci solo quelli che hanno una valenza lavorativa, come la tua pagina Facebook professionale o il tuo profilo di LinkedIn.

 

Decisamente meglio omettere invece qualsiasi link che conduca alle foto dell’addio al celibato al quale hai partecipato lo scorso anno o al compleanno della nonna.

 

Per quanto riguarda il datore di lavoro avrai invece spazio nella colonna di destra.

 

In questo caso dovrai indicare:

 

  • Destinatario della lettera motivazionale
  • Nome dell’azienda
  • Indirizzo

 

Tieni presente che una lettera inviata a una persona specifica è molto più efficace di lettera di presentazione generica. Perdi allora un po’ di tempo a fare qualche ricerca su LinkedIn o sul sito ufficiale dell’azienda, dove con ogni probabilità troverai il nome di chi si occupa delle selezioni.

 

Se la ricerca fallisce, puoi limitarti al nome dell’azienda, evitando i troppo generici “responsabile del personale” o “a chi di competenza”. Se vuoi, puoi anche leggere i nostri consigli su "a chi indirizzare la lettera di presentazione".

 

Dopo l’intestazione non dimenticare l’oggetto, una frase semplice e concisa che contenga tutte le informazioni chiave; chiarisci sempre che si tratta di una lettera di presentazione, la posizione per la quale ti candidi ed eventualmente il numero dell’offerta.

Il consiglio dell’esperto: per quanto riguarda la mail, scegli un indirizzo professionale. Il miglior esempio è nome.cognome@mail.com. Evita l’indirizzo che hai creato alle scuole medie (so benissimo che ce l’hai ancora): boss@mail.com o ladydark@mail.it non avranno un bell’impatto sui selezionatori. 

Una lettera di presentazione senza CV non ha senso in una candidatura. Il nostro builder per creare curriculum vitae online è intuitivo e progettato per aiutarti a creare un CV facilmente. Scrivi il tuo curriculum in pochi clic partendo da uno dei nostri 18 modelli di curriculum online da compilare e scaricare in PDF.

 

CREA IL TUO CURRICULUM ONLINE

 

cv designer

 

Scopri di più: Intestazione della lettera di presentazione

 

3. Costruisci una apertura della lettera motivazionale per agganciare il selezionatore

 

Sei consapevole che un selezionatore riceve ogni giorno decine di curriculum e lettere di presentazione fac-simile vero? E di certo non ha né tempo né voglia di approfondire troppo il discorso, a meno che tu non metta sul piatto qualcosa che sia davvero in grado di attirare l’attenzione.

 

È un po’ come quando ti trastulli su Netflix e vai su e giù per la sezione delle serie TV: dopo un po’ di zapping andrai inevitabilmente a scegliere quella che ti ha intrigato maggiormente, tralasciando tutte le altre.

 

Allo stesso modo, la tua lettera motivazionale deve basarsi sin dalle prime righe su un plot avvincente, in grado di coinvolgere entrambi i protagonisti: te e l’azienda.

 

Ecco allora un breve esempio:

 

Esempio di apertura di una lettera motivazionale

GIUSTO

Alla cortese attenzione della dottoressa Mafaldo,

 

È con grande soddisfazione che invio la mia candidatura per un brand di primo piano come il vostro. Ho già avuto modo di collaborare in diverse situazioni con il vostro ufficio legale, raggiungendo risultati fuori da ogni più rosea aspettativa. Dato i trascorsi decisamente positivi, sono davvero desiderosa di entrare a far parte del vostro team legale e mettere le mie competenze in materia di copyright al servizio di una azienda solida e strutturata come la vostra.

SBAGLIATO

A chi di competenza,

 

Sono un avvocato competente e preparato e desidero candidarmi per la vostra offerta di lavoro per una posizione nell’ufficio legale. In allegato troverete il mio CV che dimostra le mie competenze.

Non che ci sia una formula magica di apertura, ma per attirare l’attenzione dovrai focalizzarti su alcuni punti:

 

  • Il tuo legame con l’azienda (se esiste) o comunque la tua conoscenza del brand e la condivisione dei valori aziendali.
  • Il ruolo che andrai a ricoprire e la passione per la materia.
  • Le tue competenze professionali.

 

Inoltre qui potrai inserire anche come sei venuto a conoscenza dell’offerta di lavoro e eventuali referenze universitarie e non ottenute.

 

Ricorda ancora una volta di indicare il nome della persona al quale indirizzi la lettera motivazionale per renderla più amichevole e diretta; detto questo però ricordati che si tratta sempre di un documento formale, quindi rivolgiti al destinatario con un tono consono.

 

Se si tratta di una lettera motivazionale per l’università il discorso è lo stesso:

 

Esempio di apertura di una lettera motivazionale per l’università

GIUSTO

Alla visione della Chiarissima professoressa Maretti,

 

Fin da quando sono bambino nutro una passione sfrenata per la letteratura e l’arte medievale. Ho avuto modo di ascoltare il suo intervento al seminario di ottobre a Torino e l’ho trovato brillante. Condivido pienamente il suo pensiero sui lavori di Le Goff e ho una piena ammirazione per la visione storica e sociologica di Marc Bloch. Sarebbe dunque per me un grandissimo onore proseguire la mia carriera di storico e approfondire questi temi nel Master in Storia Medievale dell’Università di Torino.

SBAGLIATO

Per la prof. Maretti,

 

Sono laureato in Storia e vorrei entrare a far parte del suo Master per migliorare le mie conoscenze e aggiungere un titolo di studio alla mia bacheca.

Come vedi, è molto importante lasciar trasparire qualcosa di te: passioni, competenze personali e competenze tecniche sono le armi a tua disposizione per attirare l’attenzione.

 

Non fare dunque come il secondo candidato: è naturale che chi vuole fare un master in storia abbia già una laurea, con ogni probabilità in una materia umanistica, no? Cosa ti distingue dagli altri candidati? Perché dovrebbero scegliere proprio te? Che cos’hai da offrire?

 

Scopri di più: Come iniziare una lettera di presentazione

 

4. Descrivi i tuoi successi professionali nella lettera motivazionale

 

Una volta che il selezionatore avrà la tua attenzione, quello sarà il momento giusto per bombardarlo di risultati, facendogli capire che non sei solo un imbonitore abile nella scrittura ma che quello che scrivi è supportato dai fatti!

 

In questo secondo paragrafo avrai allora la possibilità di addentrarti nelle tue esperienze per offrire spunti fondamentali come:

 

  • Ricorda le esperienze che hanno affinità con l’offerta di lavoro.
  • Non raccontare le tue mansioni, mostra invece quali successi hai raggiunto.
  • Aggiungi numeri e percentuali per mettere in evidenza i tuoi successi.
  • Cerca di intercettare i bisogni della tua futura azienda.
  • Valorizza le tue competenze e fai capire come potrebbero essere utili al tuo futuro datore di lavoro.

 

In questa sezione ricorda sempre di essere coerente con il tuo CV o perderai di credibilità. Se lo desideri puoi anche basare una parte della tua sezione su elenchi puntati, per renderla ancora più schematica.

 

Ecco allora un esempio su misura:

 

Cosa scrivere nelle lettera motivazionale: esempio di paragrafo centrale

GIUSTO

Come responsabile del controllo qualità da oltre 8 anni, ho aumentato l’efficienza della catena produttiva del 20%, eliminando dalla filiera alcuni passaggi non necessari con un risparmio netto di 250.000 all’anno. Inoltre, grazie a severi test interni, ho fatto in modo che altri 20 prodotti raggiungessero la certificazione di qualità, aumentando il nostro mercato globale del 12%.

SBAGLIATO

Mi occupo di controllo qualità da diversi anni e mi assicuro che i nostri prodotti rispettino gli standard e possano essere immessi sul mercato. Compio test di verifica e lavoro a contatto con l’ufficio commerciale e il marketing.

Come puoi vedere, il secondo esempio sembra più una definizione di Wikipedia. Ma chi è alla ricerca di un addetto al controllo qualità sa benissimo quali sono le mansioni di un addetto al controllo qualità, non serve andarglielo a spiegare!

 

Se ci pensi bene, ha molto più senso inserire i risultati raggiunti, per dare subito un’idea al selezionatore di quanto tu sia in grado di fare e non rimanere in quel limbo nebbioso di candidati anonimi.

 

Anche il curriculum da neolaureato senza molta esperienza lavorativa puoi comunque approcciare questa sezione della lettera di presentazione con successo.

 

Ecco allora un altro esempio:

 

Esempio di paragrafo centrale della lettera di motivazione per l’università

GIUSTO

Mi sono laureato con lode alla facoltà di Lettere e Filosofia di Vercelli con una tesi di laurea sulla letteratura contemporanea. La mia passione per la lingua italiana mi ha portato a intraprendere la mia carriera di giornalista. Grazie a diverse floride collaborazioni da freelance, ho pubblicato oltre 400 articoli negli ultimi due anni e gestisco una pagina social dedicata alla Letteratura Italiana che ha raggiunto i 30.000 follower. Sono inoltre molto orgoglio di aver intervistato importanti personaggi politici e del mondo dello spettacolo. Credo che il Master in Giornalismo sia dunque la prosecuzione naturale dei miei studi.

SBAGLIATO

Vorrei iscrivermi al Master in Giornalismo perché amo scrivere e sono appassionato di letteratura. Sono curioso e cerco sempre di trovare notizie interessanti. Mi piacerebbe viaggiare e fare interviste a personaggi famosi e magari, perché no, gestire una mia testata.

Come vedi questa sezione non deve diventare uno stratagemma per impietosire il selezionatore (anche perché non funziona mica tanto bene) ma un vero e proprio biglietto da visita che racchiuda i tuoi migliori successi, risultati ottenuti e qualità.

Il consiglio dell’esperto: anche se sei ancora alle prime armi, cerca di evitare frasi come “anche se non ho esperienza” o “nonostante la poca esperienza maturata sul campo”, che tendono a sminuire il tuo valore. Concentrati invece sulle tue capacità, la velocità di apprendimento e il margine di miglioramento.

5. Chiudi la tua lettera motivazionale in modo brillante

 

Fino a questo punto della tua lettera di presentazione hai praticamente parlato solo di te; ora è arrivato il momento di parlare un po’ anche della tua futura azienda.

 

No, non si tratta di fare qualche bella sviolinata, ma di creare un legame con il tuo futuro datore di lavoro e di far capire ai selezionatori come saresti davvero utile una volta assunto.

 

Per chiarire, ecco un esempio:

 

Esempio di chiusura della lettera di motivazione

GIUSTO

Sarei davvero orgoglioso di entrare a far parte di una azienda come la vostra, sicuro di poter dare il mio apporto grazie alle mie competenze di marketing e SEO. Mi piacerebbe allora avere l’opportunità di incontrarci dal vivo per potervi illustrare come ho aumentato le vendite online del 16% in un anno grazie a una ristrutturazione del sito e a un riposizionamento SEO.

SBAGLIATO

Sono alla ricerca di un lavoro che mi dia una stabilità economica e un contratto di lavoro duraturo. Sono sicuro di essere la persona che fa per voi e saprò ricompensare la vostra fiducia.

Assumeresti mai il candidato del secondo esempio? Un HR non lo farebbe. Come puoi vedere, non c’è una proposta concreta, non spiega come potrebbe migliorare il lavoro in azienda, non offre alcuno spunto se non una blanda promessa di dare il massimo una volta assunto.

 

Al contrario, il candidato del primo esempio chiarisce ancora una volta quali sono i suoi punti di forza e quali strategie vorrebbe adottare nel nuovo lavoro per apportare miglioramenti concreti.

 

In questa sezione dovrai allora focalizzarti su alcuni punti cruciali:

 

  • Dimostrare all’azienda le tue qualità.
  • Ricordare quanto potresti essere utile una volta assunto.
  • Mettere in mostra le tue migliori competenze.

 

Se hai una vasta conoscenza dell’azienda, potresti anche spingerti più a fondo, per fornire soluzioni a eventuali pain points che affliggono il tuo futuro datore di lavoro; più problemi sarai in grado di risolvere, maggiori saranno le tue possibilità di ottenere l’impiego!

Il consiglio dell’esperto: in questa sezione puoi inserire un call to action, una proposta di incontro dal vivo che spinga il selezionatore a organizzare un colloquio.

 

Scopri di più: Come concludere una lettera di presentazione

 

6. Scegli un commiato formale per la tua lettera motivazionale

 

Congratulazioni, sei arrivato al gran finale! Ma anche se la tua lettera di motivazione ha ormai preso forma, manca ancora un passaggio non trascurabile: il commiato.

 

E per quanto riguarda i saluti, andiamo dritti al punto: devono essere formali e consoni al tenore della tua lettera di presentazione.

 

Come di seguito:

 

Esempio di chiusura nella lettera motivazione

GIUSTO

Nel ringraziarla per il tempo che mi ha dedicato, le auguro i miei più cordiali saluti.

 

Mara Maini

SBAGLIATO

Grazie dell’attenzione. Se interessati, ricontattatemi a orario pasti.

 

Arrivederci

Come puoi notare dovrai semplicemente mantenere un tono formale e utilizzare quelle forme di cortesia come:

 

  • Cordiali saluti
  • Distinti saluti
  • Cordialmente

 

Evita tutti i saluti più informali come “ciao”, ma anche “salve” e “arrivederci” sono sconsigliati in questa circostanza.

 

Se lo desideri, in questa sezione puoi anche inserire un riferimento alla privacy inserendo un breve disclaimer:

 

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali presenti nel CV ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

 

In chiusura ricordati inoltre di firmarti per esteso, inserendo sempre prima il nome e poi il cognome.

 

Et voilà! La tua lettera motivazionale è pronta per essere inviata!

 

 

Punti chiave

 

Ecco allora un breve riassunto di quanto visto in questo articolo. Per scrivere la tua lettera motivazionale ricordati di:

 

  • Impaginare la lettera di presentazione in modo corretto per renderla maggiormente leggibile.
  • Aggiungere intestazione e oggetto.
  • Scrivere un paragrafo di apertura che sia in grado di attirare l’attenzione dei selezionatori.
  • Inserire i tuoi maggiori successi e competenze nel paragrafo centrale.
  • Dedicare il paragrafo di chiusura a come potresti essere utile per la tua futura azienda.
  • Chiudere la tua lettera di motivazione con un commiato formale.

 

E con questo è tutto! Sono sicuro che ti sarà utile per il tuo lavoro. Visita il nostro sito per trovare altri articoli interessanti su CV e mondo del lavoro. Se ti va, facci sapere cosa pensi di questa guida qui sotto, nella sezione dei commenti! Alla prossima! Ciao!

Valuta questo articolo: lettera motivazionale
Media: 0 ( voti)
Grazie per aver votato.
Paolo Borrini
Paolo Borrini
Paolo Borrini è un giornalista pubblicista con +400 articoli pubblicati. Negli ultimi 10 anni, ha maturato anche esperienze in social media management e copywriting. Per Zety Italia, Paolo si occupa di Curriculum Vitae e lettere di presentazione.
Linkedin

Articoli simili